GIOVANNI BALDUCCI (1988) si è laureato in Giurisprudenza con una tesi sui temi dell'”interazionismo simbolico” e della “microsociologia” presso la cattedra di Sociologia del Diritto. Nel 2013 fonda il sito d’informazione locale e promozione di eventi (glocal) Il Paesano – “Pensare globalmente realizzare localmente”, che dirigerà fino al 2017. Nel frattempo, nel 2013 avvia le collaborazioni con la rivista di rilievo nazionale Barbadillo e con altre testate cartacee e online locali e nazionali. Nel 2019 pubblica per la storica rivista Arthos (Edizioni Arya) di Genova il saggio “La dottrina della preesistenza”. Ad inizio 2020 partecipa con il saggio “Nietzsche, Mazzini e l’idea di Europa” ad Almanacco Repubblicano (Bonanno Editore) assieme ad importanti firme della cultura e della politica italiana ed europea. Nell’estate 2020 aderisce all’associazione di promozione culturale CulturaIdentità pubblicando suoi interventi per l’omonima rivista-inserto de Il Giornale. Nel 2021 ha pubblicato, per la casa editrice Mimesis, il saggio sui temi della “microsociologia” e dell'”interazionismo simbolico” “La vita quotidiana come “gioco di ruolo”. Dal concetto di “face” in Goffman alla “labeling theory” della Scuola di Chicago”. Ha partecipato con il saggio “Un mondo nuovo: Sì, ma quale?” all’edizione 2021 dell’Almanacco Repubblicano. È Friend of The Warburg Institute – School of Advanced Study University of London. Nel luglio 2022, cura assieme al fratello Giuseppe e con la partecipazione del prof. Takashi Inoue (Shirayuri University di Tokyo), il testo “Soggiorno a Venezia. D’Annunzio nella Recherche” (Luni Editrice).